UNIVERSI DI CARTA – FILM D’ANIMAZIONE PER ADULTI AL B55

L’animazione viene spesso vista come una forma d’arte esclusiva per fanciulli – e a causa di questo pregiudizio, coltivato forzatamente in decenni da grandi case di produzione, il cinema d’animazione patisce una grave indifferenza da parte del pubblico adulto. Con la rassegna UNIVERSI DI CARTA il Cineforum al B55 vuole mostrare l’altra faccia dell’animazione – con la presentazione di quattro pellicole di culto che hanno ben dimostrato come questa tecnica cinematografica possa essere molto più di un semplice “gioco per bambini”.

 

 

 

I film in programma:

  • American Pop di Ralph Bakshi (1981) Uno dei capolavori del grande regista e animatore statunitense – celebre per l’adattamento animato de “Il Signore degli anelli” e per il film a tecnica mista “Fuga dal mondo dei sogni” (con Brad Pitt, Kim Basinger e Gabriel Byrne). La pellicola, realizzata per la maggior parte con la tecnica del rotoscopio, narra le vicende di quattro generazioni di una famiglia legata alla musica: la sola colonna sonora costò alla produzione poco meno di un milione di dollari in diritti d’autore!
  • Heavy Metal di Gerald Potterton (1981) Un film di fantascienza a episodi, tratti da alcuni fumetti apparsi sull’omonima rivista statunitense (pubblicata dal 1977). Divenuto nel tempo un vero e proprio film di culto, Heavy Metal è la materializzazione dei sogni proibiti (o forse degli incubi) di molti adolescenti degli anni Ottanta: un vero tour de force di violenza, sesso ed heavy metal – con la partecipazione di gruppi musicali quali Blue Öyster Cult, Journey, Cheap Trick, Nazareth, Trust, Grand Funk Railroad, Devo e Black Sabbath!
  • Rock & Rule di Clive A. Smith (1983) La fantascienza si sposa col rock ‘n’ roll! Prodotto dallo studio canadese Nelvana (noto per serie animate come Le avventure di Tin Tin, Brividi e polvere con Pelleossa e Due fantagenitori) Rock & Rule è un film di fantascienza diventato di culto – che nel tempo è stato ripetutamente mandato in onda da emittenti come HBO e Showtime. Anche in questa pellicola la partecipazione di grandi band e musicisti è sorprendente: Cheap Trick, Debbie Harry (dei Blondie), Iggy Pop e Lou Reed!
  • Il pianeta selvaggio di René Laloux (1973) La rassegna si chiude con una pellicola presentata in concorso al 26º Festival di Cannes. Tratto dal romanzo “Oms en série” di Stefan Wul, questo gioiello dell’animazione francese – considerato ormai un classico – deve molto del suo fascino alle splendide illustrazioni disegnate da Roland Topor – un’artista grottesco che ha collaborato con importanti registi internazionali come Federico Fellini, Roman Polanski e Werner Herzog.

 

Ci vediamo, come sempre, tutti i giovedì del mese al Polo giovani B55. Inizio proiezioni alle ore 21.00, mentre le porte si aprono alle 20.00 per chi vuole venire a fare due amichevoli chiacchiere prima del film.